Sito Mantice

コンテンツに移動します。

メインメニュー

Giudizi

Chi siamo

LA LUCE VERSUS IL PIXEL
di Egidio Caputo
 

Mentre guardo attraverso il mirino
della mia analogica macchina fotografica
penso rapidamente a quel che devo fare
ovvero alla pellicola che c'è dentro,
alla sua sensibilità ed alla sua fragilità:
cosa rappresenta per me questa pellicola?
Questa striscia di materiale sintetico,
ricoperta, tra l'altro, da strati e strati
di polvere d'argento;
posso affermare che è argento vivo, sensibile,
duttile e fragile contemporaneamente
ed è dentro alla mia macchina fotografica.
A cosa mi serve? Cosa ne faccio?
E qui avviene il laico miracolo: su questa
pellicola io ci metto la luce,
ci metto l'arcobaleno che si trova nella luce;
tra i tanti colori c'è anche il bianco e il nero
attraversati da tutte le sfumature di grigio.
Da tutto ciò ne ricavo una semplice
ed unica fotografia ovvero imprigiono
una immagine di luce, e la lascio lì
sulla pellicola, per sempre.
Per contro (versus) con un'altra macchina fotografica





moderna, attuale, ovvero digitale,
ove dentro non c'è pallicola, non c'è polvere d' argento
che si attiva, ma solo energia che si fissa.
Posso dire che ci sono i moderni pixel, ed è una vera
astrazione, un muoversi di numeri, sempre gli stessi
quelli che vanno dallo 0 all'1
in una miriade di combinazioni, ma non è
e non sarà mai un arcobaleno;
non c'è bisogno del buio non c'è bisogno
della luce: tutto è racchiuso in una piastrina,
a volte nera a volte colorata di sigle
ma alla fine è solo materia inerme.
A questo punto, considerato che non sono
un esperto in questa nuova tecnologia detta
digitale, mi rifugio in quella che conosco:
e cioè in quella analogica, e ripenso
al cammino che è stato fatto dalla nascita
della prima immagine fissata sulla carta
ad oggi, e chi vincerà questa piccola guerra?
Non lo so dire sinceramete,
ancora oggi c'è chi predilige i sali d'argento
ma c'è chi si è votato interamente ai pixel
e quindi alla fine dico: che vinca il migliore!?


Bo, 11.8.2013 E.C.
Dedico queste parole a tutti gli amici del circolo “il Mantice”.
Riflettete gente, riflettete gente.

'O Circolo Fotografico Amatoriale
di Egidio Caputo
 

Qualch'anno é passato
da' quanno me so' fatto socio
do' Circolo Fotografico de' Ferrovieri,
pe' abbrevià 'o chiammene DLF, circolo storico
de' stà città. Nce truvai gente a modo
maestri della foto, “amatoriale”, e pansai:
ne' sanne assaie du munno da' fotografia
e accussì accuminciaie 'a fa dumanne
e a chiedere spiegazione, sull'argomento,
pensanne d'avè risposte.
Ma doppo nu poco 'e tiempe
capii  pure che ognune tene
n'idea personale della “fotò”
e ognune dice chella ca vo':
chi dice che é meglio la classica
chi dice che va' bene  la moderna;
a chi piace 'o bianco e nero
e a chi piace 'o culore,
però a chiù bella é chella che fai tu .
Po' ce sta' chi va dinto 'a camera oscura
e se fa qualche addimmanne:
affatecanne l'uocchie d'into 'o scuro
é na bella fatica e ne consegue che
la fotò chiù bella e tradizionale è chesta cca


Ad ogni  modo 'e discussione s'accavallano:
l'argomento è difficoltoso, troppe
complicazioni, lassamme stà!
Ma na' cosa è certa: tutte quanne
fanne 'e foto “digitali” ca se vedene
comme 'e dia e na' vota, ncoppa 'a nu telone
ianche e cu e luce stutate: nu penziere malizioso
me vene: fosse fosse “l'intimità della fotò”?
Ad ogni modo io so' rimaste alla fotò
“analogica”, chella ca se fa con la pellicola.
Alla fine, pe' nun farla longa, aggia capito
ca 'a fotografia è na' cosa mia.
E vote penso che 'a fotografia è nu poco
femmina e n'atu poco.... nun se sape... se ci stà:
e chi la vuole così e chi la vuole colà.
Tutta l'arte da' fotografia è comme nu lampe:
è na' luce che adda essere fermata,
è n'attimo di bellezza ma se ti scappa
rimane sule 'o scuro.
E pe' concludere ognune adda' fa'
chelle che sape fa'
adda' ferma' 'u lampe suie, doppe
e tronnele venene pe' tutte quanne.


Questi pensieri li dedico agli amici del Circolo “Il Mantice” per la passione che tutti ci mettono nel fare fotografie.
18 Maggio 2013  - Egidio Caputo
       



CLIC..... IMMAGINA  
di Egidio Caputo


Basta un clic, un semplice e veloce movimento
di un dito sul pulsante della macchina fotografica
per far correre l'immaginazione.
L'immaginazione va alla stessa velocità
di quel clic insieme alle visioni
che attraversano i tuoi occhi, in quell'attimo.
Ma cosa rimane dopo?
Tu sai che è qualcosa di emozionante
o forse di deludente,
comunque aspetti di vedere il risultato di quel clic,
e ti affretti a guardare il...display:
questo è quel che accade...oggi.
Ieri, tutto era più lento, ci voleva il “tempo”,
ci voleva quel tanto di tempo
per far decantare l'emozione
di quel tuo clic e far depositare
in un fotogramma tutta la fantasia
del ricordo. Aspettavi, con ansia, che ciò accadesse.
Poi arrivava il momento in cui tutto si avverava:
sopra ad un pezzo di carta si concretizzava
quella immaginazione che i tuoi occhi
avevano visto, quella del momento in cui
il dito aveva premuto il pulsante
che aveva suonato un semplice e veloce CLIC
.

4.12.2013 e.c.
Per gli amici del Circolo amanti delle differenze e dei contrari.

 
Cerca
コンテンツに戻る | メインメニューに戻る